RECANATI: la scrittrice Francesca La Mantia racconta le migrazioni

Sabato 6 novembre incontri con l’autrice del libro “La montagna capovolta. Le migrazioni narrate ai bambini”.

Tappa densa di appuntamenti, sabato 6 novembre a Recanati, con la scrittrice Francesca La Mantia, autrice del libro  “La montagna capovolta: le migrazioni narrate ai bambini”, edito da Gribaudo e uscito nelle librerie e in tutti gli store digitali lo scorso 16 settembre: nel corso della mattinata l’autrice terrà infatti un incontro riservato alle classi seconde della Scuola Secondaria “Patrizi” dell’Istituto Comprensivo “Beniamino Gigli”, mentre nel pomeriggio è prevista alle 16.30 una visita guidata al Museo dell’Emigrazione Marchigiana, e a seguire, alle 17.00, la presentazione del libro alla sala Ex-Granaio, sempre presso il Museo Civico di Villa Colloredo Mels, occasione che vedrà l’autrice dialogare con Cristina Menichelli, docente dell’I. C. “Beniamino Gigli” di Recanati.

Le iniziative in programma a Recanati si inseriscono all’interno di un intenso tour di presentazioni che la scrittrice ha intrapreso in tutta Italia, e che l’ha vista lo scorso 5 ottobre approdare anche alla Camera dei Deputati; terzo della serie “La storia narrata ai bambini”, fortemente voluta dall’autrice stessa, il libro fa parte di una serie di volumi illustrati che affrontano con delicatezza temi importanti ed estremamente attuali, per permettere ai bambini di comprenderli nel modo a loro più consono. “La montagna capovolta” narra la storia di Nonna Caterina che, da sessant’anni residente in Belgio, porta il nipotino Rocco a visitare i luoghi della sua infanzia, sulla Majella, in Abruzzo. Mentre Rocco scopre panorami mozzafiato, per Caterina questo viaggio ha il sapore della riconciliazione con il passato; un passato duro, segnato dall’emigrazione della sua famiglia in Belgio, dove l’Italia nel dopoguerra spedì 64 mila uomini a lavorare nelle miniere di carbone, promettendo il miraggio di un futuro più roseo. Invece, la famiglia di Caterina in Belgio trovò la tragedia, quando l’8 agosto del 1956 nella miniera di Marcinelle scoppiò un incendio che causò la morte di 275 uomini, tra cui suo padre. Una storia intensa, delicata, e commovente sul disastro di Marcinelle, per parlare di quando erano intere comunità di italiani a migrare in terra straniera in cerca di lavoro e di un futuro migliore, da pagare spesso a caro prezzo; una storia che tocca da vicino anche le Marche, terra di emigrazione verso gli importanti distretti minerari del nord Europa, e regione che nel disastro di Marcinelle vide perire 12 suoi emigrati.

L’iniziativa è promossa da Comune di Recanati, Museo dell’Emigrazione Marchigiana e Istituto Comprensivo “Beniamino Gigli”. Un sentito ringraziamento va a Stefano Bravi.

Francesca La Mantia, classe 1985, nata a Palermo, vive e lavora tra Milano e Palermo. Docente di Italiano e latino, sceneggiatrice e regista cinematografica e teatrale, debutta nel 2011 proprio con uno spettacolo da lei scritto e diretto tratto dalle Operette Morali di Leopardi; è autrice di diversi libri, cortometraggi, documentari e spettacoli teatrali, tutti ispirati da un forte impegno civile.

Ai docenti che parteciperanno verrà rilasciato attestato valido ai fini della formazione

Per la visita guidata al Museo dell’Emigrazione Marchigiana la prenotazione è obbligatoria.

INGRESSO LIBERO. INFO E PRENOTAZIONI: Tel. 0717570410 / recanati@sistemamuseo.it

Green Pass obbligatorio per i maggiori di 12 anni.

Stampa

Nikla

The author didnt add any Information to his profile yet