“OTHER IDENTITY”. Altre forme di identità culturali e pubbliche | terza edizione

Un progetto a cura e di Francesco Arena ©2022 Dedicato alla memoria di Luciana Briasco Arena. GENOVA dal 19 Marzo – 16 Aprile 2022 , presso Guidi&Schoen-Arte Contemporanea, PRIMO PIANO di Palazzo Grillo.
Opening nelle due sedi: Venerdì 18 Marzo H. 17:00 – Ingresso libero

Giunta alla sua terza edizione, OTHER IDENTITY continua a decifrare un fenomeno ormai diffuso che ha cambiato radicalmente il modo di “vivere” e “interpretare” la nostra immagine, costantemente esibita e pubblicizzata, il nostro modo di autoritrarci e di presentarci al mondo: la spettacolarizzazione di un privato che si trasforma in pubblico attraverso i social media, creando nuove forme di identità in continua trasformazione.

OTHER IDENTITY 2022 vuole essere la nuova tappa di un progetto espositivo che funga da cartina al tornasole capace di misurare di volta in volta lo stato di una nuova grammatica narrativa, di nuove forme d’interpretazione della nostra immagine. A confrontarsi sul tema dell’identità e dell’auto-rappresentazione sono artisti italiani e stranieri uniti da una comune piattaforma emotiva e tematica, dalla quale sfociano poi ricerche personali ben distinte, e da un comune linguaggio fotografico. Unica nel suo genere per approccio e peculiarità espositive site specific, OTHER IDENTITY presenta artisti per la maggior parte inediti per la città in modo da favorire e stimolare la conoscenza del loro lavoro e l’interesse dei fruitori. La fotografia è qui il medium privilegiato in ogni sua forma, sia essa analogica o digitale, attraverso reflex professionali o smartphone, sempre però usata con consapevolezza e coerenza dall’artista che la piega alla propria ricerca personale, senza abusare delle post-produzioni spesso impiegate per mascherare un’inesistente spessore concettuale o la scarsa qualità dell’immagine. Il comune denominatore dei nostri artisti è la loro onestà intellettuale, nel senso di un consapevole, intelligente, lucido e semplice uso del mezzo espressivo, a tratti brutale nella sua desolante rappresentazione del reale, spesso filtrato da emotività malinconiche e sognanti, crudo iperrealismo, graffiante autobiografia, esibizionismo pubblicitario e complesse dinamiche di intimità familiari. Non è corretto parlare di “artisti selezionati”, bensì di artisti che si sono scelti, avvicinati da quell’istinto “animale” che fa riconoscere i propri simili anche in cattività, e che hanno identificato una piattaforma emotiva comune da cui sfociano ricerche personali ben distinte, legate però da questa tematica di fondo.

OTHER IDENTITY è un flusso creativo, un’identità senziente che si muove, agisce e progredisce seguendo un istinto proprio e naturale. È influenzata dal suo tempo e da ciò che la circonda; non può che vivere la sua contemporaneità appieno, nella consapevolezza del “qui e ora”, ed essere un’emergenza emotiva, un bisogno incontrastabile, una forza più grande di noi che ci spinge a comunicare la natura del nostro io.

OTHER IDENTITY non rappresenta semplicemente qualcosa di materiale ma si esprime nella sua continua evoluzione, come sono in continua evoluzione il nostro essere e la nostra rappresentazione del sé; proprio per questo non possiamo parlare solo di una collettiva d’arte perché il concetto stesso sarebbe riduttivo e negherebbe la sua vera natura e la sua profonda “fluidità”, il suo prendere le distanze da altre manifestazioni di questo tipo. Propone una visione fresca e un’interazione completamente diversa con il suo pubblico.
È un progetto che non vuole provocare bensì contaminare, e non vuole solo esporre ma anche coinvolgere nel profondo, come fosse un centro energetico che, partendo dal suo autore e ideatore, si sposta poi verso tutti gli artisti che coinvolge; è un portatore sano dell’esperienza vissuta di ogni suo protagonista che si mette a nudo di fronte a tutti noi.
L’interdisciplinarità che ha contraddistinto tutte le proposte fin dalla prima edizione del 2016 è ancora più marcata in questa terza edizione del 2022, segnata dalla particolarità del periodo storico che stiamo vivendo: dal 2020 in poi siamo stati colpiti da un’esperienza globale simile a un oscuro esperimento sociale, come se la natura e la cultura si fossero strettamente intrecciate a causa della pandemia. Il Covid-19 è forse il primo caso di epidemia che coinvolge su larga scala la popolazione mondiale a causa di circostanze naturali e sociali, come se a un certo punto il nostro modello di globalizzazione fosse collassato e dovessimo reinventare un nuovo disegno, un modello alternativo di interdipendenza e interconnessione planetaria. Questa nuova condizione ci ha cambiati ovviamente più del solito, come ha cambiato le nostre abitudini, i nostri umori e anche il nostro modo di presentarci agli altri. Ha estremizzato, forse ancora di più, quell’immagine che noi offriamo al mondo, un’immagine che nasconde la paura, l’isolamento, l’inquietudine di un’affermazione del sé sempre più in bilico tra “l’essere e il divenire”.

OTHER IDENTITY diventa adesso ancora di più un luogo con la prerogativa di essere amplificatore di un pensiero, di un’idea, di un progetto, della necessità di ricostruire le nostre certezze insieme alla “certezza” della nostra immagine, che è tutto ciò che ci rappresenta nel mondo. La finalità di questo progetto diventa sempre di più quella di dimostrare simultaneamente tutte le facce di un pensiero espresso nelle sue diversità, esibendo comunque il nucleo da cui sono generate. Gli artisti “rappresentati” e “presentati” rispecchiano ognuno di noi e, tramite le sfaccettature delle loro opere, possono fornirci spunti di riflessione per “comprenderci” meglio.

INFO

19 Marzo – 16 Aprile 2022 | GENOVA
Guidi&Schoen-Arte Contemporanea, PRIMO PIANO di Palazzo Grillo

Opening nelle due sedi:
Venerdì 18 Marzo H. 17:00
Ingresso libero

Mostra collettiva, evento internazionale d’arte contemporanea (Fotografia – Installazioni – New Media Art – Videoarte)
Con il patrocinio di: Regione Liguria e Comune di Genova
In collaborazione con: Guidi&Schoen-Arte Contemporanea
Organizzazione: Francesco Arena, Benedetta Spagnuolo, ARTISTI ITALIANI-arti visive e promozione
Partner e sponsor tecnici: Il Secolo XIX, Fondazione NoN, Zupp
Coordinamento video/multimedia: Dagmar Thomann
Documentazione fotografica e video: Francesco Arena
Cover photo: Gaia Benedetti Perinetti Casoni, on shot Serena Congiu

Stampa

Nikla

The author didnt add any Information to his profile yet