NO discarica: a rischio il piccolo Drago d’acqua nel laghetto di Settefinestre

Spesso si tende a sottovalutare le potenzialità naturalistiche del nostro territorio che invece conserva ancora zone territoriali apparentemente estranee allo sfruttamento selvaggio e alla distruzione di habitat delicati. Settefinestre è una località di Montefano selezionata, insieme ad altre del territorio Montefano-Recanati, per la prossima discarica provinciale. E’ ancora un’ipotesi ma, il pessimismo tra i cittadini è diffuso e la paura che si realizzi non si placa.

Qui ha trovato il suo habitat il Tritone Crestato Italiano (Triturus carnifex), animale in continua decrescita e sempre più difficile da avvistare. Il piccolo e simpatico anfibio, che deve il nome alla cresta che si sviluppa sul dorso dei maschi durante il periodo riproduttivo, vive nelle pozze temporanee che si formano vicino il fosso sotto il laghetto artificiale di Settefinestre. Nel periodo estivo vive a terra o sotto tronchi e rifugi per tornare in acqua nei periodi invernali e primaverili. È una specie protetta in base alla Convenzione di Berna del 19-9-1979 e specie d’interesse comunitario che richiede zone speciali di conservazione e una protezione rigorosa in base alla Direttiva “Habitat” 92/43/CEE del 21-5-1992.

Per il piccolo Drago d’Acqua il rischio maggiore non è rappresentato dai suoi nemici naturali ma dall’uomo che, in funzione delle proprie esigenze e del tutto incurante dei danni che apporta all’ambiente, contribuisce a destabilizzare la Natura e i suoi equilibri con decisioni sconsiderate come in questo caso. Una discarica nei pressi di questo piccolo specchio d’acqua dolce può facilmente decimare e, con il tempo, far sparire questa specie che rappresenta una ricchezza di biodiversità da tutelare e valorizzare come merita.

-Nikla Cingolani

Stampa

Nikla

The author didnt add any Information to his profile yet