Michele Carbonari si aggiudica il Premio Pannaggi 2019

Venerdì 8 novembre alle ore 17 nel prestigioso spazio espositivo di Palazzo Ricci si svolgerà la cerimonia di consegna del Premio Pannaggi Nuova generazione 2019 all’artista maceratese Michele Carbonari con l’inaugurazione della personale dal titolo “The last image”. La mostra a cura dell’Associazione Amici di Palazzo Buonaccorsi ha il patrocinio della Regione Marche, del comune di Macerata, Macerata Musei e la Fondazione Carima, dell’università di Macerata e del comune di Recanati.

Questa mattina in conferenza stampa di presentazione presso la sede della Fondazione Carima la presidente Rosaria Ruiti Del Balzo ha espresso parole di sincero apprezzamento per l’artista e la sua rappresentazione di oggetti semplici, ottenuti con una pittura essenziale, dove pur mancando la Persona, la si può ritrovare all’interno di se stessi.

Anche la vicesindaca e assessora alla cultura di Macerata Stefania Monteverde ha sottolineato l’importanza del Premio Pannaggi per la volontà di scouting, di ricerca di giovani talenti, e per la capacità di coinvolgere istituzioni e la comunità intera. “Nel catalogo – ha dichiarato – ho preso la libertà di mettere un testo di Pannaggi in cui consiglia di avere un atteggiamento di apertura per capire l’arte: aprire palazzi, aprire l’animo e aprire le emozioni.”

Giunto alla sua seconda edizione il Premio Pannaggi, oltre al suo effettivo valore, ha come obiettivo l’inserimento dei talenti emergenti marchigiani nei complessi circuiti del mercato dell’arte. “Le Marche – ha affermato questa mattina in conferenza stampa la presidente dell’Associazione Paola Ballesi – con ben due Accademie (Macerata e Urbino) è una regione ineccepibile per la formazione artistica, tuttavia non riesce a mettere in filiera l’artista con il Sistema dell’Arte”. Ha poi aggiunto che da anni la regione è alienata dal mondo dell’arte contemporanea, ma con il Premio Cairo conferito a Fabrizio Cotognini lo scorso anno e Adinda Putri-Palma vincitrice del Bando “Per Chi Crea” con il sostegno di Mibact e Siae, le Marche si stanno svegliando.

Secondo Nando Ottavi, presidente della Simonelli Group, che anche quest’anno ha deciso di sponsorizzare il Premio per giovani artisti marchigiani, “sostenere e valorizzare ciò che ci appartiene è un dovere”.

L’artista Michele Carbonari è stato selezionato dalla giuria artistica, composta da Paola Ballesi, Katiuscia Cassetta, Nikla Cingolani, Loretta Fabrizi, Paolo Gobbi, Marta Massetani, Mauro Mazziero, Marina Mentoni e Luigi Ricci. A differenza di altri premi, la particolarità della selezione di un artista sta nella frequentazione da parte della commissione, degli atelier degli artisti. In questo modo si entra in contatto con il lavoro e si è coinvolti nel processo creativo.

Oltre a Simonelli Group hanno sostenuto il progetto la ditta Mosca s.r.l. l’Associazione Casale delle Noci, il Club Kiwanis e il Rotary Club di Macerata. Altri collaboratori sono il Centro Studi Pannaggi, il Cesma (Centro Studi Marche), il Centro Documentazione e Ricerca Artistica Contemporanea Luigi Di Sarro, e le gallerie Laboratorio 41 e Spazio Lavì.

Il catalogo bilingue che racconta la mostra raccoglie, oltre ai saluti di autorità e sostenitori del premio, un testo della curatrice Paola Ballesi, del critico Stefano Verri ed una intervista all’artista della giornalista e critica indipendente Nikla Cingolani.

La mostra “The last image” rimarrà aperta fino al 5 gennaio 2020.

N.C.

Stampa

Nikla

The author didnt add any Information to his profile yet