Mangialardi a Recanati per inaugurazione sede della candidata Roberta Pennacchioni

“Sono molto orgoglioso della candidatura di Roberta Pennacchioni e lo dico con grande fierezza” ha dichiarato Maurizio Mangialardi candidato governatore del centrosinistra, dopo un tour culturale nei punti più attraenti della città di Recanati inondata di turisti e inaugurato la nuova sede elettorale della candidata al Consiglio regionale Roberta Pennacchioni. Mangialardi ha indirizzato parole di apprezzamento all’amministrazione per il brillante risultato collegato all’offerta culturale e turistica perché convinto che “la cultura è un elemento determinante per il futuro insieme all’inclusione. Nel suo discorso ha sottolineato come il centro sinistra per la prima volta sia unito in tutta Italia e di quanto si stia sforzando per unire tutte le forze di chi governa a livello nazionale. “Penso che non vada in porto, ma vi assicuro che io ce l’ho messa tutta. Abbiamo ancora 30 giorni e possiamo fare la differenza.”

Alla presentazione di Pennacchioni erano presenti Andrea Marinelli, segretario del Pd recanatese, il sindaco Antonio Bravi insieme all’assessora alle culture Rita Soccio, questa volta tutti uniti per sconfiggere un avversario attualmente in vantaggio.

Dopo i saluti del segretario del PD recanatese Andrea Marinelli, Francesco Micucci, candidato anche lui al Consiglio regionale con il Pd, ha espresso la sua visione politica dichiarando di porre fine ad ogni rivalità: “Non dobbiamo essere più la regione dei campanili!” e non esclude la coalizione con i pentastellati. Rita Soccio, dopo aver ricordato la crescita del turismo, portatore di economia, ha lodato il pragmatismo della Pennacchioni e il suo spiccato senso del lavoro dopo aver collaborato gomito a gomato nella passata amministrazione. E proprio sulle politiche del lavoro ha incentrato il discorso Roberta Pennacchioni, arriva a questa candidatura dopo essere stata , per 5 anni, assessora proprio a Recanati e responsabile dei Giovani democratici della provincia di Macerata. “Eravamo il partito dei lavoratori e dobbiamo tornare ad esserlo – ha sostenuto -. Abbiamo strizzato l’occhio alla classe imprenditoriale molto di più che a quella che dobbiamo tutelare”. Anche la creazione dell’hastag #allavoroxlemarche vuole sottintendere il confronto con i cittadini per costruire un percorso che porterà in regione. Poi il suo ricordo di Maria Previati, segretaria amministrativa del Pd cittadino, scomparsa qualche mese fa, strappa un commosso applauso.

Molti gli interventi a iniziare dal segretario provinciale Francesco Vitali, al consigliere comunale Graziano Bravi che ha toccato un argomento ambientale molto sentito attualmente dai cittadini recanatesi visto il pericolo di una discarica nel territorio dell’inifinito: “Bisogna rimettere in discussione la problematica ambientale e cambiare un modo di vedere i rifiuti della sinistra.” La sua dichiarazione ha trovato seguito nel discorso del sindaco Antonio Bravi il quale respinge le accuse della Gabellieri (Lega) criticata per le inesattezze espresse in una sua nota dove asseriva che era stata presa una decisione sulle discariche, subito negata da Antonio Bravi e Angela Barbieri e anche dai sindaci della provincia. “Dovrebbe prepararsi invece di creare subbuglio tra i cittadini!” ha esclamato Bravi. Infine l’apprensione per l’esito delle elezioni. “Bisogna convincere le persone ad andare a votare per questo candidato per sconfiggere questa destra poco moderata che ci preoccupa”

N. C.

Stampa

Nikla

The author didnt add any Information to his profile yet