la Regione approva la legge sui borghi e turismo diffuso

Riqualificazione e valorizzazione dei borghi e dei centri storici delle Marche e promozione e sviluppo del turismo diffuso e sostenibile, approvata la legge in Consiglio Regionale.
Nell’agenda dell’attuale amministrazione Acquaroli, uno dei principali obiettivi del centrodestra al governo della Regione Marche è quello di valorizzare il patrimonio rappresentato dai borghi e dai centri storici delle Marche.
L’Assemblea legislativa, nella seduta odierna, ha approvato la proposta di legge ad iniziativa della giunta dopo un proficuo lavoro in commissione. 

Obiettivi della legge sono:

– rivitalizzare e valorizzare il tessuto socio culturale ed economico-produttivo dei borghi storici mediante misure che intervengono in ambiti diversi: turismo, cultura, commercio, artigianato artistico, agricoltura, mondo imprenditoriale, politiche attive del lavoro, reti telematiche fino all’edilizia per la conservazione degli immobili nei borghi e centri storici.

-promuovere l’accoglienza diffusa attraverso la promozione e lo sviluppo dell’albergo diffuso e l’istituzione della rete regionale dell’albergo diffuso che sarà contraddistinta con l’individuazione di un marchio di rete.

I “progetti strategici” per la valorizzazione dei borghi e dell’accoglienza diffusa sono:

1- “Borgo accogliente” per sostenere interventi integrati di riqualificazione e valorizzazione del borgo presentati da Comuni e loro associazioni, a beneficio di recuperi edilizi e di tutte le attività anche economiche presenti nei borghi;

2- “Albergo diffuso”: sostenuto in quanto struttura ricettiva turistica imprenditoriale, da insediare, sviluppare, riqualificare sia nei borghi che nei centri storici

3- “Residenza diffusa” per il recupero e la rifunzionalizzazione a fini prevalentemente turistici di nuclei storici extraurbani e di borghi rurali.

Un grande progetto fortemente voluto dal nostro presidente Francesco Acquaroli, una legge che punta al rilancio, in particolar modo, dei borghi colpiti dal sisma del 2016, attraverso una connessione tra i borghi stessi ed attraverso la promozione di un “brand” con le eccellenze del territorio.

Stampa

Nikla

The author didnt add any Information to his profile yet