Incontro con Marco Scolastici

Che ci fa una yurta mongola sull’altopiano di Macereto? Chi abita quella tenda per nomadi ai piedi dei Sibillini? È la casa di un giovane allevatore che, nonostante i terremoti, ha deciso di non abbandonare i pascoli di famiglia sulle montagne di Visso. “Grazie a quella yurta, dove ha passato l’inverno del 2017 sotto metri di neve- così ha detto di lui lo scrittore e giornalista Paolo Rumiz- , è riuscito a non mollare le greggi e non interrompere una produzione ventennale di pecorino biologico profumato di elicriso e mentuccia”. Marco Scolastici è il nome di questo giovane allevatore che avremo il piacere di ospitare a Recanati per conoscere, attraverso il suo libro da poco pubblicato da Einaudi, la storia della sua famiglia, il rapporto con la montagna e la sua scelta di restare, nonostante tutto, nelle terre appenniniche, cercando -come lui stesso scrive- un modo nuovo di essere antico. L’iniziativa, patrocinata e sostenuta dal Comune di Recanati, è stata organizzata dall’associazione recanatese “e quindi il monte” in collaborazione con l’Istituto Storico di Macerata, l’università di Istruzione Permanente. L’incontro si inserisce in una ciclo di iniziative di solidarietà con i paesi dell’Appennino colpiti dal terremoto e di conoscenza del loro patrimonio storico-culturale e paesaggistico. L’incontro si svolgerà sabato 12 gennaio 2019 alle ore 17.15 presso Ass. AltraEco, Via campo dei Fiori (ingresso parco di Villa Colloredo)

Stampa

Nikla

The author didnt add any Information to his profile yet