Inaugurato il monumento per i 40 anni di AIDO Recanati

Martedì 15 giugno 2021, giornata dedicata a San Vito patrono di Recanati, si è svolta in Via Belvedere l’inaugurazione dell’Albero del Sì, il monumento AIDO di Recanati in occasione del 40esimo anniversario dalla fondazione. L’opera, un’originale intervento in ceramica che ha ridato vita ad una fontanella pubblica in disuso da molti anni in una nicchia grigia e trascurata, è stata realizzata dalla Presidente e ceramista Piera Marconi, un progetto studiato in collaborazione con Nikla Cingolani. La scultura raffigura, simbolicamente, l’Albero della Vita con foglie dorate di vari alberi raggruppate assieme a rappresentare la preziosità dei diversi organi del corpo. L’albero ingloba il rubinetto dell’acqua diventato di nuovo funzionante e, grazie a questa operazione, la fontanella pubblica ha mantenuto la sua natura. La nicchia dove si trova la fontanella riporta all’edilizia residenziale romana e ai ninfei, sale affacciate sul giardino caratterizzate da un’edicola tappezzata a mosaico, talvolta decorata in spuma di lava, conchiglie e sassi, da cui scaturiva l’acqua. La parete di questa piccola edicola è stata rivestita in ceramica raku, un’antica tecnica di cottura giapponese, con la tecnica Trencadìs e completa di una targa in Cor-ten con la scritta “…e la vita continua”. A raccogliere l’acqua alla base una pavimentazione di sassi levigati quale elemento decorativo e naturale. L’Albero della Vita è simbolo di nascita e rinascita. Il significato è di buon auspicio per chi sta per iniziare una nuova vita e una sorta di augurio per un’esistenza costruita su solide radici, che rappresentano la famiglia, le amicizie, una vita piena, ricca e intensa. È stato chiamato l’Albero del Sì perché per AIDO è fondamentale ribadire sempre più, e con forza, il SÌ alla donazione di organi tessuti e cellule, per promuovere il valore etico di un gesto in grado di salvare la vita.
Realizzare questa scultura divisa in più parti per accompagnare la curvatura della piccola abside non è stato semplice, così come per l’applicazione delle tessere e della scultura eseguita da Tiziano Mangoni con grande attenzione e pazienza, mentre la placca in Cor-ten è stata realizzata e offerta da Rodolfo Mogetta.
Il Sindaco Antonio Bravi si è congratulato con la Presidente per aver individuato un angolo un po’ trascurato del centro storico e averlo migliorato con un’opera di valore. Il Presidente Provinciale AIDO Elio Giacomelli ha ribadito l’importanza di dire Sì alla donazione per la possibilità di regalare una nuova speranza di vita a chi ne ha bisogno, mentre il Presidente della BBC di Recanati Sandrino Bertini ha dichiarato di essere molto vicino all’AIDO grazie a sua moglie che è stata una delle prime socie fin dagli anni ’70. L’assessora alle culture Rita Soccio ha mostrato un vivo entusiasmo per aver dato lustro ad un’anonima fontanella e con un materiale come la ceramica che in passato era un segno distintivo di Recanati  e presto ritornerà ad esserlo con una serie di iniziative dedicate. Da ricordare La Via della Ceramica nel rione Castelnuovo. Presente all’inaugurazione l’assessora alle Politiche Sociali Paola Nicolini, anch’essa interessata fin dall’inizio al progetto.

Stampa

Nikla

The author didnt add any Information to his profile yet