I dieci dipinti più costosi di sempre

Di Giuseppe Compare

La notizia che la sera del 18 maggio a New York, nell’asta di Sothebys, un dipinto Untlited di Jean-Michel Basquiat del 1982 ha raggiunto la cifra di 110,5 milioni di dollari (incluse le commissioni, l’asta per essere precisi si è chiusa a quota 98 milioni), ha riacceso la fantasia di amatori, collezionisti, investitori, e di tutti coloro che guardano con stupore alle follie del mercato dell’arte di altissimo livello.

Nonostante il clamore, pienamente giustificato, è doveroso ricordare che Basquiat è il settimo artista a sfondare la soglia psicologica dei 100 milioni di dollari per un’opera d’arte in asta. Prima di lui erano riusciti nell’impresa Picasso (per tre volte), Giacometti (per due volte), Modigliani, Bacon, Munch e Wharol. Ma anche con questa cifra strabiliante l’opera di Basquiat non rientrerebbe tra le 10 opere più costose di sempre. Infatti, esiste un altro canale, più discreto e meno esposto ai riflettori, con cui di possono concludere le trattative relative ad un’opera d’arte, sto parlando delle “private sales” o vendite private. L’opera più pagata in asta è un dipinto di Picasso del 1955 “Les Femmes D’Alger” che è solo settimo nella graduatoria dei dipinti più pagati di tutti i tempi. Vediamo allora questa classifica con la cifra pagata e il nome del fortunato che ha messo le mani sull’ambito trofeo, perché a questi livelli un opera altro non è che un trofeo, da esibire agli occhi e all’ammirazione del mondo intero.

Paul Gauguin “Nafea Faa Ipoipo”(300.000.000 $).

Al primo posto di questa speciale classifica vi è un dipinto del pittore francese Gauguin. L’opera, una magnifica tela del 1892, del periodo tahitiano dell’artista e stata acquistata dalla famiglia reale del Quatar, per essere esposta nel nascente museo di arte contemporanea. E pensare che l’opera, dai colori accesi e sgargianti, andò invenduta in una mostra parigina del 1893.

Willem De Kooning “Interchange” (300.000.000 $).

Si narra che Kenneth Griffin, noto finanziere, americano abbia sborsato per questa opera del 1955 ed un’altra di Jackson Pollock la bellezza di 500 milioni nel 2015, attribuendone trecento al maestro dell’espressionismo astratto. Il primo che acquistò quest’opera fu il proprietario dei grandi magazzini di Pittsburg ( per inciso città natale di Wharol) che la pagò 4 mila dollari nel 1955.

Paul Cézanne “Giocatori di Carte” (250.000.000 $)

Ancora la famiglia reale del Quatar dietro questo acquisto che è stato record assoluto per un’opera d’arte. Cézanne dipinse ben 5 versioni di questo dipinto: 4 sono nei musei, mentre questa quinta versione è passata di mano privata in mano privata fino ai giorni nostri. Fu dipinta nel 1892. L’artista si trovava nella fattoria di famiglia ad Aix-en Provence, quando chiamò il giardiniere ed un contadino, chiedendo loro di giocare a carte.

Jackson Pollock “N. 17A” (200.000.000 $)

Un numero ed una lettera per un dipinto simbolo dell’eroe dell’arte americana del XX secolo. Kenneth Griffin fa boom, sborsando 500 milioni per questo quadro e per Interchange di De Kooning, mettendo a segno, possiamo dirlo, la transazione del secolo, mezzo miliardo di dollari in un solo colpo. Il sogno di un artista visionario che cambia per sempre i connotati dell’arte americana. Siamo al giro di boa del secolo e precisamente nel 1948. Si dice che Pollock non abbia guadagnato più di 20 mila dollari nel corso della sua carriera.

Mark Rothko “Number 6” (186.000.000 $)

Il magnate russo dei fertilizzanti Dimitry Rybolovev, protagonista come vittima di uno dei più grandi scandali e truffe degli ultimi anni, mette le mani su questo capolavoro nel 2014. Rothko, artista americano nato in Lettonia nel 1903, dipinse questo quadro nel 1951, sesto di una fortunatissima serie che ha segnato l’arte astratta americana.

Rembrandt Van Rijn “Pendant di Ritratti” (180.000.000 £)

Unica opera non del XX secolo tra le 10 più costose è questo doppio ritratto di Marten Soolmans e Oopjen Coppit che Rembrandt dipinse nel 1634. Due Musei prestigiosi come il Louvre di Parigi e il Rijksmuseum di Amsterdam hanno messo insieme la cifra per acquisire questo capolavoro dell’arte europea del XVII secolo. Lo esporranno a turno per la gioia degli appassionati di tutto il mondo.

Pablo Picasso “Les Femmes D’Alger, Versione O” (179.400.000 $)

L’opera d’arte più cara mai pagata ad un asta è del genio di Malaga, sua maestà Picasso. Nel maggio del 2015 la quindicesima ed ultima versione dipinta dal maestro nel 1955 finisce ancora in Quatar, acquistata da Hamad Bin Jassim Bin Jaber Al-Thani, altro membro della famiglia reale. Squilli di trombe, breaking news in tutto il pianeta, ma come visto l’opera è solo al settimo posto tra le quelle più care di sempre.

Amedeo Modigliani “Nu Couché” (170.400.000 £)

E’ finito in Cina per merito del plurimiliardario ex-tassista Liu Yiqian uno dei nudi più osannati dell’arte del XX secolo, dipinto da Modigliani a Parigi nel 1917/18. Faceva parte di quell’unica leggendaria personale di Amedeo alla galleria Berthe Weill di Parigi. La folla si accalca per i nudi, ma arriva la polizia a sgombrare gli astanti. La mostra dell’artista italiano viene considerata oltraggiosa e per Modigliani è una ferita difficile da rimarginare. Ma il riscatto arriva, Modigliani è l’artista italiano più pagato di sempre.

Pablo Picasso “La Reve” (155.000.000 £)

Appartiene a Steve Cohen, uno dei collezionisti provenienti dal mondo della finanza e tra i più attivi nel mercato di altissimo livello (sua anche il famoso “squalo” in formaldeide di Damien Hirst). Ma la storia della vendita di questo magnifico dipinto del 1932 dell’artista catalano ha dell’incredibile. Steve Wynn, magnate dei casinò di Las Vegas lo acquista per 48,8 milioni, possiede molti Picasso e decide di vendere questo, ma il quadro si danneggia e la vendita per 135 milioni sfuma. Ma Cohen ha un desiderio fortissimo di avere questo quadro. E allora che si fa? Si restaura il capolavoro, si constata che non vi siano danni residui e, infine, viene acquistato per la cifra definitiva nel 2013.

Francis Bacon “3 Studi di Lucien Freud” (142.400.00 $)

Due maestri della pittura della seconda metà del XX secolo, due amici rivali protagonisti di questo trittico oramai leggendario. Francis Bacon ritrae nel 1969 Lucien Freud a suo modo ed è storia. I tre pannelli furono venduti separatamente nel corso degli anni settanta, ma fortunatamente riuniti per sempre. A possederli e a conquistarli nell’asta di Christies del novembre 2013 a New York è una donna: Elayne Wynn, già moglie Steve Wynn magnate dei casinò a Las Vegas e grandissimo collezionista d’arte del XX secolo.

 

NB Questa classifica è stata redatta considerando i valori pagati al momento dell’acquisto. Potrebbe esistere un’altra classifica, quella dei valori attualizzati. Ad esempio, 100 milioni spesi nel 2000 hanno un valore diverso da 100 milioni spesi nel 2015.

Clicca e ascolta

Stampa

Nikla

The author didnt add any Information to his profile yet