Giacomo Leopardi e il legame eugubino

ll dott. Sergio Beccacece, durante la conferenza stampa/lezione (leggi articolo correlato) in cui ha mostrato la fotocopia della partecipazione di nascita di Giacomo Leopardi, non mancato di notare la firma di Monaldo con il doppio cognome Leopardi Confallonieri. 
Pur non nominando il destinatario il conte Leopardi comunica quindi la felice notizia anche al suo parente eugubino, probabilmente Luigi o il figlio Tiberio Biscaccianti della Fonte. Il documento, infatti, è custodito fra i tesori dell’Archivio storico della Diocesi di Gubbio, nel Fondo Biscaccianti della Fonte (riordinato e inventariato di recente da Anna Radicchi) ed è stato rinvenuto nel 1987 dall’allora direttore dell’Archivio, don Otello Luigi M. Reale Marrani, che lo ha divulgato per la prima volta; poi è ripiombato nell’oscurità. Fino al momento in cui, nel 2013, il Vescovo di Gubbio, Mario Ceccobelli, affida l’incarico di responsabile dell’Archivio e della Biblioteca “Fonti” alla poetessa Anna Maria Trepaoli, che lo riscopre (Giacomo Leopardi e Gubbio Di Luigi M. Reale, 2016).

Il certificato è importante perché conferma i legami con alcune delle casate nobiliari di Gubbio e, in particolare, quello con la famiglia dei Della Branca, dalla quale proviene Francesca della Branca Barzi di Gubbio, parente dei Biscaccianti della Fonte, nonna materna di Monaldo.
Ecco la trascrizione del testo del documento

P(ad)rone, e Parente Vener(atissi)mo 
Con vero contento ho l’onore di parteciparle comeVenerdì 29. scaduto alle ore 19. Adelaide Antici mia Moglie si sgravò felicemente di un Maschio dopo nove mesi di Matrimonio. Tanto più grande è stato il mio giubilo, quanto che preceduto da quarantotto ore di pena per le lunghe doglie sof erte dalla Partoriente. Al Sagro Fonte s’impose al Neo-nato il nome di Giacomo. Spero vorrà Ella prender parte nella mia allegrezza non meno che compartirmi l’onore de’ suoi venerati comandi, sono con vera stima, ed ossequio. 
Di lei P(ad)rone e Parente Vener(atissi)mo  
Recanati li 5 luglio 1798. 
U(milissi)mo D(evotissi)mo Obbl(igatissi)mo Serv.[itore] e Parente 
Monaldo Leopardi Confallonieri

Anche Giacomo si firma così in uno scritto giovanile: “Condanna e viaggio del Redentore al Calvario. Ragionamento di Giacomo Leopardi Confallonieri recitato nella Congregazione dei nobili di Recanati la sera del quinto Giovedì di Quaresima, 24. Marzo 1814″

-Nikla Cingolani

Stampa

Nikla

The author didnt add any Information to his profile yet