Elezioni Regionali, incontro con Cristina Brunelli

RECANATI | “Vogliamo una Sanità non solo politica, usata come merce di scambio, ma una Sanità che metta al centro il cittadino. Vogliamo un’adeguata assistenza domiciliare. Diciamo NO ai mega ospedali.”
Così Cristina Brunelli, la candidata al Consiglio Regionale delle Marche per il MoVimento 5 Stelle  chiamata dal Candidato Governatore Gian Mario Marcorelli a collaborare sulla stesura del programma nel settore sanitario per le sue competenze, ha presentato il piano per rilanciare le Marche nel confronto pubblico di giovedì 3 settembre. Ha esposto chiaramente quali sono i punti fondamentali per far funzionare un nuovo modello socio-sanitario capace di mettere al centro la persona e i suoi bisogni di salute. “Bisogna creare un legame tra gli operatori sanitari, a partire dal Medico di Medicina Generale che deve essere i nodo dei vari aspetti e meccanismi del sistema di cure che ruota intorno al cittadino/utente che, utilizzando la tecnologia e la comunicazione con i professionisti sanitari sul territorio, sia in grado in tempo reale di fornire immediatamente ai pazienti ed alle loro famiglie le indicazione per le cure.” Ha rimarcato quanto sia importante potenziare l’assistenza domiciliare per persone in condizioni di fragilità e non autosufficienza, con servizi più accessibili e di maggiore qualità per evitare ricoveri impropri.

Critiche anche sul fronte dell’eccessivo ruolo dei privati. “Oggi la sanità pubblica è sottoutilizzata e ci costringono a rivolgerci ad un privato che noi stessi paghiamo. In questo modo stiamo pagando due volte. Se la politica è solo “rilancio del privato” noi ci opponiamo. Il valore primario del pubblico è il suo valore etico e sociale che il privato non ha. I due sistemi possono certamente coesistere, senza però che il privato ci fagociti per ragioni politiche ed economiche”.

Infine una riflessione sull’economia delle piccole medie imprese. “Il COVID ha stravolto tutto e ci vorrà del tempo per arrivare a quella situazione stabile in cui si possono fare programmazioni a medio e lungo termine. Dall’Europa arriveranno una marea di soldi, motivo di questo accanimento elettorale. Se si perde l’occasione di usarli per portare le Marche a cambiare velocità e mettersi al pari delle altre regioni, non ce ne sarà un’altra. Gli industriali delle piccole e medie imprese che abbiamo incontrato hanno fiducia nella possibilità di poter ancora fare qualcosa per le loro aziende, ma sono stati lapidari nel dire che se questa volta la politica non mette le mani in tasca e li aiuta per davvero non avranno più modo di risollevarsi.”

Cristina Brunelli, Candidata al Consiglio Comunale di Recanati alle scorse Elezioni Amministrative, ha una formazione magistrale in Scienze Riabilitative, è un Dottore in Fisioterapia; da 25 anni lavora in ASUR e gli ultimi venti all’Ospedale di Recanati;  da un anno e mezzo è Tutor Didattico al Corso di Laurea di Fisioterapia all’Università di Ancona e dallo scorso anno membro dell’attuale Consiglio di Amministrazione della Fondazione I.R.C.E.R. di Recanati.

N.C.

Stampa

Nikla

The author didnt add any Information to his profile yet