David Zwirner propone una Tax su grandi gallerie alle fiere d’arte

Approfondimento a cura di Giuseppe Compare su tre punti importanti dell’attuale mercato dell’arte: la dichiarazione di David Zwirner, il report sulle aste online di Hiscox e Art Trade, stima stellare per “Nu couché (Sur le côté gauche)” di Modigliani.

  • David Zwirner, la cui omonima galleria d’arte è una delle più grandi al mondo, ha dichiarato di essere disposto a pagare di più per il noleggio di spazi alle fiere d’arte, se i soldi extra potrebbero aiutare anche le gallerie più piccole a partecipare. Negli ultimi anni, piccole e medie gallerie d’arte si sono ritrovate schiacciate a casa da svettanti canoni di locazione e non sono state in grado di pagare le tasse astronomiche richieste dalle fiere d’arte per vendere i loro lavori nei negozi dei collezionisti. “Sento che qualcosa  nel sistema attuale non funziona“, ha detto Zwirner Intervenendo al New York Times Art Leaders Network a Berlino “Non è positivo che alcune gallerie ottengano sempre più quote di mercato e le gallerie più giovani hanno difficoltà a competere”.
  • Limiti delle aste online secondo il report “The Hiscox Online Art Trade Report 2018″
  • Il 14 maggio prossimo il “Nu couché (Sur le côté gauche)” di Modigliani sarà battuto all’asta di Sotheby’s con una stima di 150 milioni di dollari che eguaglia o supera le stime presentate dalle opere più costose mai vendute in asta, tra cui «Salvator Mundi» di Leonardo da Vinci (stima intorno ai 150 milioni di $) e «Les femmes d’Alger (versione ‘O’)» di Pablo Picasso (stima intorno ai 140 milioni $). il Nudo è passato direttamente dai riflettori delle prestigiosa Tate Modern di Londra alle luci della sale room di Sotheby’s a New York: questa operazione influirà sul prezzo di realizzo?

Clicca sulla barra e ascolta “Appuntamento con l’Arte” 30 aprile 2018 – radioerre 89.1

Stampa

Nikla

The author didnt add any Information to his profile yet