Cai Guo-Qiang e il Rinascimento

Firenze | Fino al prossimo 17 febbraio è possibile visitare la mostra personale dell’artista contemporaneo Cai Guo-Qiang allestita nelle dieci gallerie connesse alle sale caravaggesce, nel corpo principale degli Uffizi. Flora Commedia, titolo della mostra comprende circa sessanta opere dell’artista: dipinti di varie dimensioni realizzati con polvere da sparo, oltre a una selezione di bozzetti che ne illustrano il processo creativo .
Flora Commedia nasce dalla visita dell’artista agli Uffizi nel 2017: il giardino di Boboli dell’antica famiglia Medici, Palazzo Pitti, il Gabinetto dei Disegni e delle Stampe delle Gallerie degli Uffizi. L’artista usa i fiori come mezzo per esprimere oggi lo spirito del Rinascimento – il desiderio e i piaceri, la connessione con la natura, il risveglio dell’umanità e della percezione del corpo. Numerosi fiori sono stati realizzati con la particolare tecnica esplosiva e pirotecnica che consiste nel realizzare una sagoma con diverse polveri da sparo e far apparire il disegno dando loro fuoco. Per le altre Cai Guo Qiang ha sperimentato una particolare tecnica pittorica con bastoncini di incenso bruciati e una modalità di disegno con punta di argento che ha imparato proprio al Dipartimento di Disegno degli Uffizi.

La mostra è allestita nelle dieci gallerie connesse alle sale caravaggesce, nel corpo principale degli Uffizi. Complessivamente sono esposte circa sessanta opere. Le opere floreali son 40. Accanto ad esse sono esposti 4 autoritratti, l’opera intitolata  I Modi, una tela raffigurante sedici posizioni sessuale ispirata ad un manoscritto erotico del XVI secolo e A Study of Birds, una tela celebrativa delle opere di Leonardo da Vinci per festeggiare i 500 anni della sua morte. La tecnica pittorica di Cai, raffinata e complessa, stabilisce uno scambio con la Natura, ponendosi in relazione con i grandi maestri del Rinascimento le cui opere sono custodite agli Uffizi e generando una riflessione sul significato dell’arte.

Cai Guo-Qiang, I Modi

Cai Guo-Qiang, The Study of Birds

Tre documentari diretti da Xia Shanshan rivelano la perseveranza, la vulnerabilità, l’incertezza e l’autocritica dell’artista durante questo viaggio attraverso la pittura.

La mostra è parte di un progetto più ampio “Viaggio di un individuo attraverso la Storia dell’Arte Occidentale” e, dopo le mostre al Museo Pushkin di Mosca e al Museo Prado di Madrid nel 2017, l’artista arriva a Firenze. Nel 2019 continuerà al Museo Archeologico di Napoli e si concluderà in Oriente dove presenterà il frutto di questo lungo viaggio.

Photo e video by Federica Amichetti

Stampa

Nikla

The author didnt add any Information to his profile yet