Andorra e Recanati vicine nel nome di Gigli

Il progetto MiBAC apre collaborazioni concrete tra Villa InCanto e la Penisola Iberica. NOTA DELL’ASSOCIAZIONE VILLA INCANTO E GOF

Capelli e occhi corvini, 31 anni, andorese, cantante, soprano per la precisione. Così Jonaina Salvador, Presidente dell’Associazione Andorra Lirica, Direttore della Stagione Operistica di Andorra e insegnante di canto al Conservatorio di Andorra, si presenta a Recanati.

Arrivata nella città gigliana, da Sant Julià de Lòria – uno dei sette paesi del Comune di Andorra -, nella duplice veste di organizzatrice e allieva, in questi giorni è ospite della Scuola Civica di Musica “B. Gigli” e dell’Accademia Lirica di Recanati per un corso di perfezionamento con il Maestro Riccardo Serenelli in previsione di un progetto che travalica i confini geografici e culturali e apre a contaminazioni estere accogliendo Villa InCanto e Beniamino Gigli ad Andorra i prossimi 13 e 14 ottobre per Il Barbiere di Siviglia.

“E’ un onore immenso – confida Jonaina Salvador – essere qui con il Maestro Serenelli in questa bellissima città e soprattutto è una profonda soddisfazione portare avanti la collaborazione con Villa InCanto (avviata lo scorso anno con l’Elisir d’Amore) ed ospitare tra le tre opere della Stagione operistica Il Barbiere di Siviglia al quale prenderò parte personalmente come Rosina. La lingua catalana è la nostra lingua ufficiale ma Andorra è uno Stato trilingue (spagnolo e francese) ed ogni anno proponiamo opere provenienti da territori vicini e una rappresentanza italiana non può certo mancare: l’opera nasce in Italia e collaborare con Villa InCanto è andare alla fonte di questa arte ”.

Dopo un primo incontro durante una conferenza a Palma di Majorca, Riccardo Serenelli e Jonaina Salvador hanno portato avanti un sodalizio che nel tempo si è perfezionato e che quest’anno – alla luce della partecipazione di Villa InCanto e della Scuola Civica con il Direttore Ermanno Becccacece ad un bando promosso dal MiBAC (Ministero per i Beni e le Attività Culturali ) volto all’internazionalizzazione dei progetti culturali -, darà vita ad una vera e propria collaborazione durante la stagione andorese.

“Con Jonaina – spiega il Maestro Riccardo Serenelli – stiamo iniziando una fase di sperimentazione che, se il Ministero non promuoverà, condurrà comunque la Città di Recanati, Villa InCanto, il Gof, la Scuola Civica e l’Accademia Lirica ad approdare in terra iberica nel nome di Gigli”.

Ma la comunione di intenti non si esaurisce in questo singolo evento e va oltre approfondendo l’aspetto formativo.

“Nella nostra scuola lavoriamo in due direzioni – racconta la Salvador – quella volta al perfezionamento di alto livello che interessa professionisti provenienti dai più importanti teatri esteri, dall’Opéra de Bastille di Parigi, dal Gran Teatre del Liceu di Barcellona, dal Teatro Real di Madrid, de l’Opéra di Georgia, dal Teatro de la Maestranza di Siviglia, e quella più prettamente formativa. Seguendo la classe di Canto al Conservatorio di Andorra, punto molto sui cantanti che preparo al fine di portarli ad avere ruoli di rilievo nelle opere. Allo stesso tempo abbiamo creato il coro dell’opera di Andorra, con 40 elementi adulti, impegnato nelle opere di ogni stagione che nella scorsa edizione è stato dal Maestro Serenelli. Quest’anno inizieremo a lavorare anche con il coro di bambini impegnato nella prima con “Hansel e Gretel” a febbraio. Oltre ai cantanti, alle nostre opere collaborano e partecipano le Scuole d’Arte del paese, il Balletto regionale l’Esbart Laurèdia e artisti professionali di alto livello che permettono di portare sul palco la cultura locale. Professionalità e formazione penso siano il connubio perfetto che si traduce in qualità e cultura locale nonché fondamentale per approcciare l’ampio repertorio che l’opera offre”.

In completo accordo Rita Soccio, Assessore alle Culture di Recanati, che racconta come “il Gof sia nato da Villa InCanto dando il giusto rilievo al nostro figlio illustre Beniamino Gigli. Grazie a Riccardo possiamo celebrare Gigli all’estero dando una duplice valenza all’internazionalizzazione. Anzitutto, va considerato che far uscire dai confini il nome di Recanati e quello di Gigli significa arrivare anche in quei territori dove la comunità italiana è molto forte e ascoltare “Mamma” scatena ancora un’emozione atavica, d’altra parte non possiamo non puntare sulla formazione e la nostra Scuola Civica di Musica ne è l’esempio con i suoi 400 allievi. Tutto ciò – conclude l’Assessore – è reso possibile ancor meglio se si fa rete e si collabora, come nel caso di Villa InCanto e Andorra Lírica, soprattutto per un’arte di nicchia come è l’opera”.

“Ma non solo celebrazioni e autocelebrazioni – conclude il Sindaco Francesco Fiordomo -. La nostra Città ha intrapreso una crescita costante e nuove collaborazioni nel nome di Beniamino Gigli, L’interesse suscitato anche fuori dai confini nazionali e la capacità di coinvolgere in progetti qualitativamente rilevanti è davvero incoraggiante. La strada intrapresa è quella giusta: non vogliamo rivolgerci a pochi intimi, ma educazione e cultura musicale devono essere alla portata di tutti, come voleva Gigli , autentico figlio del popolo”.

Con la quarta Stagione operistica di Andorra si pone l’accento su quegli eventi collaterali, e spesso considerati minori rispetto agli eventi ufficiali delle grandi città, che danno occasioni ai professionisti di sperimentare e al tempo stesso vanno alla scoperta di arti e culture ancora troppo poco conosciute.

In attesa di scoprire l’esito del bando MiBAC è possibile seguire Villa InCanto e Jonaina Salvador sulle rispettive pagine Facebook, Instagram e Youtube.

Stampa

Nikla

The author didnt add any Information to his profile yet