Alla carica! sulla questione discarica

E’ arrivata all’improvviso come uno schiaffo, ma ci voleva la diffida redatta dall’avvocato Paolo Tanoni per svegliare la coscienza ambientalista del candidato alle regionali Francesco Fiordomo.

Tra i punti prioritari della sua campagna politica presentati il 18 luglio alla stampa durante l’inaugurazione della sede elettorale, il problema ambientale non compariva. Quella mattina, dopo il suo discorso, gli esposi la grande preoccupazione dei cittadini verso l’ambiente circa il piano d’ambito dell’ATA 3 per la localizzazione del nuovo impianto di discarica delle 14 aree individuate come idonee nel nostro territorio. Mi lamentai del fatto che, pur sapendo del voto a sfavore della discarica durante il consiglio comunale del 17 giugno di Recanati in contemporanea con Montefano e della valutazione tecnica sull’intero territorio per evidenziare gli eventuali criteri escludenti, dall’amministrazione non era arrivato un segnale forte nemmeno a livello di comunicazione, tanto che molti cittadini ancora non sapevano nulla. Alla mia domanda: visto che ci sarà in programma l’ipotesi di una futura discarica nel nostro territorio, a livello regionale si prevede una salvaguardia del nostro territorio? La risposta di Fiordomo fu molto evasiva e insoddisfacente, così come quella del Sindaco Antonio Bravi, presente al suo fianco a sostegno della candidatura, il quale ribatté che, al contrario di ciò che dicevo, la comunicazione era stata efficace e che in quel momento NON condivideva “l’esasperazione di creare un comitato”. E invece da lì a poco il Comitato NO discarica Montefano/Recanati si costituì scatenando un vero terremoto grazie anche al supporto degli altri comitati dei quartieri interessati.

Mi chiedo quanto sarebbe durato l’imbarazzante silenzio dei politici su questa problematica così importante se non fosse stato per il chiasso dei cittadini agguerriti e arrabbiati, e come mai nessuno dell’amministrazione, assessori e assessore, consiglieri e consigliere anche di opposizione, non avessero (e non hanno) mai speso una parola. Recentemente è stato presentato un nuovo sito turistico della “città dell’Infinito” in collaborazione con gli operatori turistici della città, con la  segnalazione delle varie strutture ricettive del territorio, compresi quelli individuati nelle vicinanze delle aree idonee per la discarica. Nemmeno in quella occasione  è stato toccato l’argomento.

Tutto fa pensare che il No così poco incisivo da parte delle amministrazioni sia una tutela contro il rischio di rivolta popolare qualora venga costruita la discarica, in vista dell’indennità di disagio ambientale riconosciuta al Comune ed economicamente quantificata. In poche parole significa soldi, tanti soldi, nelle casse comunali.

L’UDC è il primo ad appoggiare il comitato dichiarando che Luca Marconi, capogruppo in Regione, propone inutilmente da più di 10 anni di adottare sistemi alternativi. La causa diventa un “caso”. Si accoda “Vivere Recanati” ma il capogruppo Marco Canalini sostiene, purtroppo, solo la causa della “discarica nella zona di Montefiore”, dimostrando di sapere poco o niente dell’argomento per le imprecisioni e per ignorare le altre aree recanatesi individuate come idonee. Segue la voce del PD recanatese con la candidata Roberta Pennacchioni ugualmente contraria alla discarica.

Ora anche Fiordomo si è svegliato e vede nel “caso” un’opportunità politica: “Una scelta incomprensibile e sbagliata.dichiara –Una scelta che il Consiglio Comunale di Recanati (all’unanimità) ha bocciato. Una scelta che non tiene conto della bellezza del paesaggio leopardiano e può mortificare la crescita turistica che invece deve dare nuove prospettive di sviluppo occupazionale ed economico. Sono al fianco dei cittadini che condividono il NO del Consiglio Comunale ed il sostegno dell’amico Paolo Tanoni, con il quale mi sono confrontato più volte, è prezioso. Sul tema rifiuti va aperta una discussione vera, prendendo in considerazione scelte coraggiose e innovative a livello regionale. Dovrà essere un tema centrale.

Speriamo che il loro non sia solo uno spot.

-Nikla Cingolani

Qui sotto la diffida redatta dall’avv. Paolo Tanoni:

Egregi Signori,
ci siamo posti nella prospettiva di valutare laicamente il potenziale insediamento nell’area del Comune di Recanati di una discarica per i rifiuti solidi urbani.

Già questo approccio, che attiene all’intera area del Comune in questione, disvela un metodo che rifugge il mero atteggiamento nimby, che non sarebbe consono a cittadini che difendono i propri diritti senza contrapporli a quelli, avvertiti per non minori, degli altri consociati, in una sorta di lotta indotta, al termine della quale, proprio le opposizioni di tutti, legittimano le decisioni, infondate per quello che vedremo, di pochi: coloro che saranno chiamati ad assumere le determinazioni finali e che, già con questo incipit, hanno dimostrato un atteggiamento datato e non conforme ai canoni della buona amministrazione della cosa pubblica.

Ed infatti, gli amministratori, verso i quali insorgiamo, si sono già abbandonati, in questa fase procedimentale, alla potenziale contrapposizione degli interessi degli uni a quelli degli altri, come se la soluzione del problema fosse necessariamente correlata al sacrificio di alcuno dei consociati, in una vecchia concezione secondo la quale il munus pubblico pretenda, come momento dell’espressione del potere gestorio, il degradare dei diritti dei cittadini ad interessi legittimi e, questi, ad essere compulsati dall’interesse pubblico prevalente: con il che si restringe il novero delle possibili soluzioni adottabili ad una sorta di circolo vizioso, nel quale tutti perderanno, chi prima chi dopo, insomma prima o poi una discarica a ciascuno.

Viceversa, se si vuol far aderire, come sembra doveroso, l’attività amministrativa ad una lettura costituzionalmente orientata, deve concludersi che la stessa, dovendo rispondere al principio di legalità e di buon andamento e, nel contempo, ad orientare gli interventi nell’economia all’interesse comune, debbono essere esaminati tutti gli interventi che siano stabili nell’assicurare il risultato – cosa che all’evidenza non si ottiene con il meccanismo adottato, che ha, dichiaratamente, una valenza temporale limitata e che impone di tornare al problema ogni tanti anni, affliggendo progressivamente l’intero territorio – rispondano ai requisiti dello stato della tecnica, con un esame comparativo delle esperienze, anche internazionali, in materia, con un progetto di durata e di ricadute sociali ed economiche controllabili e misurabili, aperte ad un endemico miglioramento, che

faccia rimanere l’intervento aderente agli standard più elevati del settore.
Gli amministratori coinvolti avrebbero dovuto ispirarsi alla Carta Costituzionale, nella quale sono scolpiti i principi della convivenza comune e che indirizza l’attività amministrativa fissandone i principi ispiratori, e leggere il principio di legalità, non come mero ossequio alle procedure amministrative, ma come ricerca delle soluzione più attuali, sostenibili e proiettate al benessere comune, mentre non è più possibile la mera ripetizione di condotte anteatte, che rendono conclamata una visione burocratico-ripetitiva del ruolo svolto, già in se censurabile siccome acritica.

Amministratori avveduti, consapevoli del ruolo ricoperto, non avrebbero potuto orientare le scelte verso nuovi insediamenti di conferimento, semplicemente delegando a società, suppostamente specializzate, la loro individuazione, ma si sarebbero dovuti porre il problema dell’esistenza di metodologie diverse e più rispondenti ai canoni di economicità, di rispetto dell’ecosistema in tutte le sue componenti, verso l’economia circolare e un indirizzo del trattamento del fine vita dei rifiuti aderente allo stato della tecnica.

Si sarebbe dovuto aver presente la definizione di “rifiuti Zero”, secondo la Zero Waste International Alliance, si sarebbe dovuta analizzare, ad esempio, l’esperienza del comune di Capannori e non da ultimo, in un processo virtuoso, verificare se altri ambiti della pubblica amministrazione, anche locale, avessero analizzato ed avviato progetti che potessero risolvere in radice il problema: ci consta, ad esempio, che l’Astea abbia in fase di avanzata analisi la realizzazione di un impianto destinato a risolvere definitivamente la questione con ricadute, anche economiche, virtuose.

Ecco allora che la patologia degli atti amministrativi, già conclamata perché non rispondente ad una lettura costituzionalmente orientata del problema e delle possibili soluzioni, diviene anche insipienza gestionale, per il mancato coordinamento con le altre espressioni dell’amministrazione pubblica e con le sue articolazioni che agiscono come enti privati.

Un quadro desolante nel quale gli orientamenti delle direttive comunitarie vengono disattesi, la stessa programmazione settoriale della Regione Marche viene interpretata in maniera strumentale e l’interesse dei cittadini sacrificato.

Ma il novero delle inadeguatezze e delle patologie non si esaurisce qui, a dimostrazione del fatto che, quando un atto è scorrettamente

orientato, poi collide con una serie di previsioni specifiche, notorio essendo l’effetto coattivo del nostro ordinamento.

Su tali temi torneremo perché attengono, inter alia, alla violazione di norme di rango urbanistico, di protezione ambientale, ma non ci sembra questa la sede deputata, perché abbasseremo lo sguardo sul dettaglio e perderemo di vista la prospettiva da consociati, consapevoli che la propria salvezza dall’abuso non può essere ottenuta a scapito di altri.

Quello che viene in rilievo infatti è la patologia genetica del progetto e non la sua fase esecutiva che viene travolta, di conseguenza, come si conviene in un iter procedimentale inficiato dall’inizio.

Le conseguenze sono ovvie sia sul piano delle logica, sia sul piano del diritto: la pubblica amministrazione, in autotutela, deve annullare l’iter procedimentale, riavviarlo in maniera da analizzare comparativamente le soluzioni possibili che abbiano le caratteristiche imposte dallo stato della tecnica: una soluzione, per essere tale, non deve consistere in un guadagnar tempo, altrimenti si risolve in un rinvio o, peggio in una ammissione d’impotenza.

Tutti coloro che non vi provvederanno risponderanno nelle sedi deputate, anche del relativo danno erariale, perché da oggi, con il ricevimento di questa, mentre prima potevano dirsi inconsapevoli, adesso non lo sono più e sono chiamati ad attuare un piano conforme alla migliore prassi del settore, senza cedere alla acritica ripetizione di atti amministrativi che sono contrari ai canoni di moderna gestione del problema e rappresentano il paradigma della cattiva amministrazione.

I firmatari di questa non consentiranno che la censurata scivolata amministrativa venga portata a conseguenze ulteriori.

Con i migliori saluti.

Lanari Fabio
Presidente pro tempore del Comitato “No discarica territorio Montefano – Recanati”

Stampa

Nikla

The author didnt add any Information to his profile yet