A San Flaviano e Castelnuovo si celebra Beniamino Gigli

Riceviamo e pubblichiamo

Concerto e mostra a 60 anni della scomparsa del tenore recanatese

Giovedì 30 novembre alle ore 21, nella suggestiva location della Cattedrale di San Flaviano di Recanati, la città di celebra, con un concerto dedicato alle Arie Sacre più note, il tenore Beniamino Gigli in occasione del 60esimo anno dalla sua scomparsa.
L’evento, promosso dal Comune di Recanati in collaborazione con la Civica Scuola di Musica “B. Gigli” e l’Associazione Villa InCanto, vuole ricordare l’illustre concittadino con l’esibizione del soprano Francesca Ruospo e del tenore Raffaele Pastore, accompagnati dal Quintetto Gigli diretto dal M° Riccardo Serenelli, Direttore artistico e docente presso l’Accademia Lirica Beniamino Gigli di Recanati.
I due solisti, provenienti rispettivamente da La Scala di Milano e dal Petruzzelli di Bari, grazie alla loro versatile vocalità capace di interpretare generi e repertori diversi, faranno rivivere le dolci melodie del tenore recanatese nella Cattedrale della città, luogo dove Beniamino bambino cantore diede inizio alla sua favolosa carriera.
Al violinista Luca Mengoni, leader del Quintetto Gigli, sono state affidate le trascrizioni e gli adattamenti delle musiche per quintetto e pianoforte.
Ma gli appuntamenti non si esauriscono qui e nel pomeriggio le celebrazioni interesseranno il quartiere di Castelnuovo, luogo che ha dato i natali al tenore recanatese e nello specifico presso il Circolo Ricreativo intitolato proprio a Gigli. Si inizia alle ore 17 con l’incontro con il Maestro Simone Settembri, restauratore dei Musei Vaticani, che farà il punto sulla situazione della tomba di Gigli custodita nel cimitero cittadino. A seguire, alle ore 18 inaugurazione della mostra dedicata al tenore, tratta dalla collezione del concittadino Walter Mandolini. Presenti all’evento Ferruccio Lorenzetti, Presidente del Circolo, e del fotografo Antonio Baleani. A concludere il pomeriggio l’omaggio musicale a cura di Villa InCanto con il M° Serenelli.
Una giornata ricca di emozioni dunque, che, come sottolinea Rita Soccio, Assessore alle Culture di Recanati “è stata fortemente voluta dall’Amministrazione comunale in quanto inserita in un percorso che si intende portare avanti per ricordare e valorizzare la figura del nostro concittadino”.
“Sono onorato di essere stato scelto per la manifestazione – prosegue il Maestro Riccardo Serenelli, – e sono soprattutto felice nel vedere che si mettano in programma eventi dedicati al talento gigliano; nutro inoltre la speranza che si continui a percorrere la strada di una valorizzazione sempre più puntuale di questo personaggio che ha dato tanto al panorama musicale nazionale e internazionale”.
Appuntamenti da non perdere e occasioni uniche, per appassionati e non, per rivivere le emozioni che il grande Gigli ha suscitato in tutto il mondo facendosi portavoce di una tradizione musicale tutt’oggi viva, diventando tra l’altro un punto di riferimento per i più grandi. Come cita Riccardo Chailly in un’intervista rilasciata in occasione dell’apertura della stagione scaligera a Sant’Ambrogio, “non bisogna dimenticare quello che Gigli chi ha lasciato: le cose aggiunte, non scritte [ ] a esempio qualche fermata in più su qualche nota specifica che sottolineano una parola, o degli indugi che sono sempre legati all’espressione e al testo, mai autoreferenziali”. L’ingresso agli eventi è gratuito.

Paola Acciarresi

Stampa

Nikla

The author didnt add any Information to his profile yet