A Guancialarte il rione Le Grazie vince la “Guancialetta Birraria”

Recanati | Si è svolta ieri pomeriggio la prima edizione della staffetta “Guancialetta Birraria” organizzata da Guancialarte, il festival del guanciale e del buon cibo, all’insegna della partecipazione, entusiasmo e tanto divertimento.

A gareggiare le squadre di 5 rioni recanatesi: Castelnuovo, Centro storico, Le Grazie, Montemorello, Piazzale Europa-Fonti San Lorenzo.

Ciascuno dei 4 staffettisti ha percorso circa 1.300 m per 2 volte, non prima di aver bevuto un bicchiere di birra ad ogni partenza, regola da rispettare assolutamente per evitare penalizzazioni, passandosi in un’unica zona di cambio il simpatico testimone: una bella e unta cotica di guanciale.

La competizione ha avuto inizio in Via dei Cappuccini, nei pressi del piazzale, per continuare in Via Antici, scendere per Porta Nuova, percorrere il Colle dell’Infinito fino alla piazzetta del Sabato del Villaggio e arrivare di nuovo nel piazzale. A vincere è stato il rione Le Grazie, con la formazione composta da  Nicola Gerosi, Stefano Toreggiani,  Mauro Messi,  Francesco Fraticelli, ma tutti e tutte – Antonio, Marilena, Francesco, Alfredo, Tommaso, Alex, Giorgia, Luca, Ciampi, Simone, Morris, Giorgio, Eros, Diego, Margherita, Giuseppe – si sono distinti per bravura, simpatia e spirito di squadra all’insegna della sana competizione, senza rinunciare al prezioso agonismo che ha reso viva la gara.

CLASSIFICA

1° Le Grazie, 2° Castelnuovo, 3° Piazzale Europa-Fonti San Lorenzo, 4° Montemorello, 5°  Centro Storico.

L’idea degli organizzatori è di far rivivere la competizione rionale, riproponendola in chiave popolare con l’intento di creare un’ atmosfera d’amicizia ricca di gioia e di ironia. La vittoria è stata festeggiata alla sera durante la cena. I concorrenti del rione Le Grazie hanno vinto un guanciale a testa mentre quelli di Castelnuovo arrivati secondi,  una bottiglia di vino ciascuno. “Speriamo che questa tradizione duri negli anni e che diventi sempre più importante” ha detto Giorgio Piso sul palco nel presentare i vincitori.

Così la storia si arricchisce di un nuovo capitolo, un momento sociale del vivere e del fare festa, diventando motivo di incontro, di allegria e soprattutto un modo per rafforzare il legame tra i cittadini.

Guancialarte anche quest’anno ha caratterizzato la fine estate recanatese chiudendo la sua terza edizione con grande successo. Con il Carbonara Party, altra novità di quest’anno, la domenica a pranzo sono stati distribuiti 180 pasti. Venerdì non sono mancati i momenti culturali con i racconti dello chef Silvano Scalzini, custode della tradizione maceratese, e di Nazzareno Graziosi con il gruppo folcloristico “Balcone delle Marche” di Cingoli, che ha ricercato le origini del saltarello nella danza di epoca picena nata come marcia militare. La serata di sabato è stata allietata dalla musica  beat e lounge dei Montefiori Cocktail mentre ieri il concerto di Chopas e i dritti di Chicago ha chiuso la manifestazione.

Per tre giorni è stato possibile degustare  il loro menù semplice ma ricercato, sempre molto apprezzato non solo per il gusto ma anche per la presentazione dei piatti e la sensibilità verso l’ambiente, particolari che fanno la differenza rispetto alle classiche sagre.

L’associazione Guancialarte  dimostra di essere un eclettico laboratorio di idee e progetti mirati alla divulgazione di saperi e sapori tradizionali con proposte di piatti che si riaffermano con orgoglio; tradizioni e radici coniugate a soluzioni innovative, il tutto condito con tanta passione, per creare momenti di convivialità dove incontrarsi, divertirsi e ovviamente mangiare bene.

Nikla Cingolani

Foto di Paolo Farina

Stampa

Nikla

The author didnt add any Information to his profile yet