A domani

Immagine di copertina: opera di Zdzislaw Beksinski, particolare

A domani

di Jessica Vesprini

La casa sa di cioccolato,
ho lasciato una ragnatela in bagno,
qualcosa forse è scaduto.
Tutto è in modo che tu lo veda,
anche i libri sul comodino.
Mi guardi nell’immagine
deforme del piacere,
e la mia bocca ti sembra
la salvezza per tutto ciò che è fame.
Però la sera il cuore mi s’incrina.
Godere non mette
a tacere il tempo,
anche se lo inganna
non basta scopare rumorosamente.
Stammi dentro le ossa,
abbracciami come se fossi
un bambino.
Ci saranno sempre
cose più importanti
e il fiato corto per il tempo.
Hai dimenticato anche stavolta
qualcosa sul tavolo
com’erano calde le tue mani
sulla schiena;
a domani non è un corpo
e poi è sempre lontano.
Ho comprato le arance.
Piove.

Stampa

Nikla

The author didnt add any Information to his profile yet