#200infinito, e la poesia vive

A Duecento anni dalla stesura de L’Infinito di Giacomo Leopardi la poesia rivive nella voce di migliaia di studenti che si sono dati appuntamento sui social per un flash mob epocale: la lettura collettiva e simultanea dell’idillio più famoso al mondo. L’idea di Olimpia Leopardi nasce dalla volontà di Casa Leopardi di avvicinare i giovani alla poesia, utilizzando un linguaggio che loro conoscono molto bene. Nella giornata “#200infinito”, organizzata dal Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, realizzata con Casa Leopardi, in collaborazione con la RAI e con il Comune di Recanati, si sono uniti migliaia di ragazzi e di cittadini in tutta Italia, ritrovandosi all’interno di istituti scolastici, di biblioteche, nelle piazze e per le strade. Con l’hashtag #200Infinito hanno condiviso e reso ‘virale’ uno dei testi poetici più famosi e amati. Fossero tutti così i virus ci faremmo contagiare volentieri! Il “cancelletto” telematico si è rivelato un buon aggregatore di persone e il 28 maggio 2019 si è condiviso un momento profondamente sentito di armonia e pace. L’evento è stato partecipato da scuole a livello nazionale (circa 400) e internazionale. Un istituto nautico marchigiano ha recitato l’infinito in mezzo al mare e un simbolico contributo è arrivato anche dalle case circondariali.

Foto di Paolo Farina

Foto di Maurizio Paduano

Mentre in Piazza Leopardi i ragazzi stavano formando il simbolo dell’infinito, l’otto rovesciato con il punto d’incrocio coincidente al monumento di Giacomo Leopardi, davanti la casa del Poeta nella Piazzetta del Sabato del Villaggio, cuore dell’evento, un emozionato e commosso Ministro Marco Bussetti ha salutato i ragazzi dicendo: “L’infinito è parte di noi, non in senso astratto ma perché ci parla del nostro modo di esistere in quanto esseri umani. “L’infinito” è un punto di riferimento imprescindibile nel percorso formativo che i giovani portano avanti nell’iter scolastico. Dobbiamo studiare le materie umanistiche, dobbiamo riportare l’uomo al centro delle nostre azioni nella vita del pianeta contro l’assoluta tecnicizzazione imperante. Ragazzi amate la vita, le sue declinazioni e siate sempre affamati dell’ignoto. Oggi mi avete fatto festeggiare il più bel compleanno della mia vita”

Olimpia Leopardi nel suo discorso ha augurato ai ragazzi di non fermarsi davanti a nessun ostacolo: “Vi lascio con l’augurio di non permettere mai alla realtà di sopraffare i vostri sogni. Il Ministro e la contessa hanno poi premiato gli istituti vincitori del Concorso Nazionale “Il mio Infinito”, rivolto a tutte le scuole di ogni ordine e grado, con l’invito a confrontarsi con la propria visione di “Infinito”.

Clicca sulla barra e ascolta il discorso di Olimpia Leopardi

 

Ore 11.30

Dopo Il Countdown annunciato da Sarh Maestri, coordinatrice dell’evento, ecco il Flash Mob

Sempre caro mi fu quest’ermo colle,

e questa siepe, che da tanta parte

dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.

Ma sedendo e mirando, interminati

spazi di là da quella, e sovrumani

silenzi, e profondissima quiete

io nel pensier mi fingo, ove per poco

il cor non si spaura. E come il vento

odo stormir tra queste piante, io quello

infinito silenzio a questa voce

vo comparando: e mi sovvien l’eterno,

e le morte stagioni, e la presente

e viva, e il suon di lei. Così tra questa

immensità s’annega il pensier mio:

e il naufragar m’è dolce in questo mare.

Se è vero che “Il battito d’ali di una farfalla può provocare un uragano dall’altra parte del mondo”, la vibrazione causata dal concerto di voci che si è alzato dal mondo nel leggere L’Infinito, sicuramente è stata la chiave di volta per affrontare un auspicato cambiamento sociale. Il suono potente dei versi sempre vivi, provenienti dal fragore di quel minuto forse ha risvegliato qualche coscienza addormentata. Grazie alla poesia leopardiana, in questo giorno la coscienza si è sviluppata a tal punto fino a perdere i limiti che aveva in precedenza, fondendosi con una coscienza illimitata e universale. Sono azioni collettive come queste che possono contribuire a generare grandi cambiamenti in modo da proiettare l’Umanità in un altro paradigma.

N.C.

Stampa

Nikla

The author didnt add any Information to his profile yet